Augmented packaging

Quali sfide si aprono per il mondo del packaging in questo 2018 appena iniziato?

Il settore registra una sostanziale crescita e tra i produttori crescono anche gli investimenti in ricerca e sviluppo. Le prospettive e le tendenze in corso sono tante, dagli imballaggi intelligenti a quelli ecosostenibili e a basso impatto ambientale, ma un’interessante novità negli ultimi anni si registra anche nel mondo delle etichette.

Avete mai sentito parlare di etichette “connesse”?

Alla base di tutto ci sono le applicazioni di realtà aumentata, una tecnologia che arricchisce la nostra percezione permettendo di ottenere esperienze immersive altrimenti non realizzabili. Basta inquadrare il QR code stampato sull’etichetta dei nostri prodotti di consumo per avere accesso, in rete, tramite lo schermo del nostro smartphone, a tutta una serie contenuti aggiuntivi in grado di raccontare tantissime cose in più sui prodotti che vogliamo acquistare.

Le possibilità sono infinite. Basti pensare alla ristorazione. Siete seduti davanti al menu, inquadrate il piatto che vi sembra interessante e potete vedere come viene prodotto, quali sono gli ingredienti utilizzati o gli allergeni. Oppure nel comprare della frutta, potrete sapere dove era piantato l’albero da cui quel contadino ha raccolto la vostra mela. Come è avvenuta la coltivazione nel frutteto, a quali trattamenti è stato sottoposto il melo, dove e quanto è stato stoccato il suo frutto, quando è arrivato alla catena di distribuzione e infine sui banchi di vendita.

In sintesi presto le confezioni di molti prodotti prenderanno vita nel nostro smartphone.

Secondo i guru del marketing le etichette con realtà aumentata hanno potenzialità enormi perchè offriranno un canale diretto per valorizzare la marca e spingere il consumatore all’acquisto. Si tratterà di riuscire a capire come integrare le etichette connesse con realtà aumentata nelle strategie di brand per rendere tale esperienza di volta in volta interessante e attrattiva per il consumatore.

Ecco l’esperienza della digital house Nuceria Lab in collaborazione con Nju:comunicazione, Storie in bottiglia, in cui 6 bottiglie di alcolici raccontano la loro storia in modo creativo. Un esempio che suggerisce come personalizzare al meglio un prodotto, così da essere davvero diverso e attraente per il consumatore finale, puntando a farne un tramite di contenuti interessanti.

Torna indietro

Correlati