Far rivivere il packaging

In Italia, il packaging rappresenta l’1,5% del Pil nazionale e la percentuale dei rifiuti di imballaggi che viene conferito nella raccolta differenziata si attesta ormai da diversi anni attorno al 70% e oltre. Ma per perseguire la sostenibilità e avere un occhio di riguardo per il nostro ambiente non esiste solo il riciclo che segue la raccolta differenziata dei rifiuti.

Una volta vuotato dal suo contenuto, il packaging può avere una nuova destinazione d’uso, nelle nostre case sotto nuove sembianze e con un’utilità del tutto diversa. L’estate è la stagione che meglio si presta per dare sfogo alla nostra creatività con piccoli, ma deliziosi, progetti per far rivivere il packaging.

Tra gli imballaggi più versatili in questo senso ci sono senza dubbio le bottiglie di vetro. Il vetro è un materiale da sempre sinonimo di riciclo e igiene: l’87% della popolazione della Comunità Europa, secondo un rapporto di Assovetro, sceglie il vetro quando si trova a decidere sulla sicurezza del packaging alimentare. Che siano bottiglie d’acqua, di birra, di superalcolici o di vino, qualche vuoto ci passa sempre tra le mani. Vediamo allora 4 idee creative per il loro riciclo.

VASI COLORATI

dipingere_bottiglie_vetro_vasi_riciclo

Questo progetto di Emily Louise pubblicato su Thesitsgirls.com è tanto bello quanto semplice: bottiglie di vetro e colori acrilici è tutto ciò di cui avete bisogno. Meglio ancora se le bottiglie variano nelle forme e nelle dimensioni e se i colori sono sì brillanti e saturati, ma della stessa palette, come quelli scelti da Emily Louise nella foto qui sopra. Innanzitutto bisogna eliminare le etichette e per farlo vi basterà immergere le bottiglie in acqua bollente e sapone. Lasciatele asciugare completamente prima di dipingerle… senza pennelli! Proprio così, la tecnica utilizzata è infatti geniale: le bottiglie non vengono pitturate esternamente bensì il colore acrilico viene versato direttamente al loro interno e la bottiglia viene fatta roteare in tutti i sensi affinché il colore sia omogeneo su tutta la superficie. A questo punto, capovolgete le bottiglie a testa in giù per farle asciugare completamente, ci vorranno circa tre giorni. Ora non vi resta che infilarvi qualche fiore e metterle al centro del vostro tavolo per i pranzi estivi all’aperto! (qui il procedimento con le foto e qui il video)

TORCE TIKI DA GIARDINO

bottiglie_vetro_torce_tiki

Perché acquistare delle banali torce da giardino quando possiamo realizzarle noi utilizzando bottiglie di design come quelle del whisky? Con questo progetto di Sugarandcharm.com possiamo creare delle originali Torce Tiki, che donano un look esotico e divertente al nostro giardino e creano una luce e un’atmosfera di grande impatto. Il materiale necessario comprende: bottiglie di whisky, stoppini per torce a olio, fiammiferi, olio di citronella. Lavate le bottiglie e rimpitele in parte con acqua, ma stando attenti che una volta infilato lo stoppino questo non arrivi al livello dell’acqua bagnandosi. Versate l’olio di citronella nella bottiglia fin quasi a riempirla e poi infilate lo stoppino, intriso dello stesso olio, nella bottiglia e fatelo uscire dal tappo che avrete precedentemente bucato. Avvitate il tappo e accendete con un fiammifero! Il procedimento completo e le foto li trovate qui.

MANGIATOIA PER UCCELLI

bottiglia_vetro_mangiatoia_uccelli

Questo progetto richiede una dose di manualità in più, ma con un po’ di aiuto e di esercizio è realizzabile da chiunque. Si tratta di originali mangiatoie per uccelli da appendere in giardino, qui realizzate da Thegardenroofcoop.com. Come sempre, servono una o più bottiglie di vetro lavate e asciugate. La parte difficile è la realizzazione di due piccoli fori da un lato e dall’altro a pochi centimetri dalla base della bottiglia: per farlo bisogna avere, e saper usare, un trapano. Qui viene spiegato il procedimento, ma vi raccomandiamo di fare attenzione o di farvi aiutare da chi è più esperto. Realizzati i due fori, non vi resta che fissare un piattino sul fondo con della colla epossidica e arrotolare un filo di rame spesso sul collo della bottiglia, così da creare un gancio per poter appendere la mangiatoia. Riempite di semini, chiudete con un tappo e godetevi lo spettacolo!

FIORIERA CON AUTO-IRRIGAZIONE

bottiglia_vetro_fiorieria

Anche quest’ultimo progetto richiede un’attenzione particolare al procedimento, poiché bisogna tagliare le bottiglie. I modi per farlo sono diversi e tutti praticabili in casa (vedi come tagliare un bottiglia di vetro). L’idea, piccole fioriere che si auto-irrigano, è davvero splendida e adatta soprattutto per coltivare erbe aromatiche come basilico, salvia, rosmarino. Una volta tagliato il collo, diciamo un quarto dell’intera bottilglia, infilate uno stoppino da torcia in modo che questo fuoriesca dal collo della bottiglia, capovolgete questa parte e incastratela nell’altra metà, riempita in parte d’acqua. Ora colmate con terriccio la parte superiore e seminate! Qui il procedimento completo di v.

 

Torna indietro

Correlati