Un’insalata di packaging

Verdure, formaggi, prosciutto, uova e tonno sono gli ingredienti indispensabili per l’insalata di riso, la ricetta ideale dell’estate che può essere arricchita in tantissimi modi, secondo il vostro gusto. Ma nella creazione di questo piatto pensiamo a quanto aiuto ci offre il packaging nel mantenere freschi gli ingredienti che andranno a comporre la nostra ricetta.
Vi mostreremo qui la ricetta classica dell’insalata di riso, gli ingredienti da scegliere e le indicazioni che il packaging ci fornisce per creare un piatto semplice e gustoso.

Quale riso scegliere?
La qualità di riso è fondamentale per una buona “tenuta”. Si possono scegliere diverse tipologie, dal più comune Ribe capace di tenere la cottura senza scuocere, al riso Carnaroli o Arborio, dai chicchi abbastanza grandi e resistenti, al Baldo, molto consistente. Per i meno esperti basta leggere cosa consiglia la confezione: spessissimo troviamo un bel bollino con l’indicazione “ideale per insalate di riso”.


La cottura del riso
Bisogna calcolare dagli 80 ai 100 g di riso per persona. Cuocere in tanta acqua salata pari a 5 volte la quantità di riso da bollire. La quantità di sale è di circa 8-10 g per ogni litro di acqua. Il riso va buttato soltanto nel pieno bollore e lasciato cuocere per il tempo indicato sulla confezione, o qualche secondo in meno (è preferibile un riso al dente invece di uno scotto). Una volta cotto va scolato e sciacquato sotto acqua corrente.

La farcitura
Le varianti per gli ingredienti della farcitura sono infinite e ogni famiglia, si potrebbe dire, ha la propria ricetta. Molti aggiungono tutto quello che di “compatibile” trova in frigo o in dispensa, prodotti freschi da utilizzare il prima possibile o le amate scatolette.

Allora benissimo verdure e ortaggi freschi (pomodori, cetrioli, carote), ma non possono mancare i piselli, che prima però vanno lessati (sono ottimi quelli in confezioni surgelate perché mantengono bene la freschezza). Di grandissimo aiuto anche le confezioni di sott’aceti (cetriolini, cipolline, peperoni) da aggiungere a piacere per aumentare la sapidità del piatto.

Se non siete vegetariani, in una classica insalata di riso non può mancare un salume tipo mortadella o prosciutto cotto. Potete scegliere di acquistarne una fetta al banco da tagliare poi in cubetti o acquistare le vaschette preconfezionate. In alternativa una confezione di wurstel da tagliare in piccoli pezzi. Per il formaggio, potete optare per un gusto più delicato (fontina) o più deciso, come emmental o provola.

A tutto questo questo va unito l’immancabile tonno sott’olio. Qui potrete scegliere la classica scatoletta o, per un’insalata gourmet, consigliamo il tonno in filetti nella confezione in vetro. Infine aggiungete le uova, ben sode.

Tagliate ogni ingrediente in piccoli pezzi, mettete tutto in una ciotola capiente e mescolate. Aggiungete il riso e soltanto prima di servire condite con olio extravergine di oliva e sale. L’insalata è pronta per essere gustata.

Per chi invece non ha proprio tempo da perdere, il packaging dà un aiuto imperdibile: un bel barattolo di condimento per insalata di riso e il gioco è fatto.

Buona estate e buon appetito!

[wpsr_sharethis output='buttons']

Torna indietro

Correlati