Il packaging che sa di Sicilia, Natale e Made in Italy

Natale è un’apoteosi di scatole, i contenitori che permettono lo scambio dei doni che in questo periodo tanto ci impegna e, ammettiamolo, ci diverte. E più belle sono, meglio è. Per questo, quello che spesso nel corso dell’anno è un semplice e funzionale imballaggio, a Natale diventa un packaging prezioso e creativo, spesso da conservare e collezionare.

È questo il periodo in cui pasticcerie e produttori di dolciumi sfornano non solo vecchie e nuove ricette, ma anche importanti contenitori che attraggano non solo il gusto, ma anche la vista. E se portano una firma altisonante ancora meglio. Per questo il Panettone agli Agrumi e allo Zafferano di Sicilia di Fiasconaro, l’azienda dolciaria famosa nel mondo con sede a Castelbuono, antico borgo a pochi chilometri da Palermo, porta la firma niente meno che di Dolce&Gabbana.

Nel nuovo panettone Fiasconaro la ricetta del tradizionale dolce di origine milanese viene completamente rivisitata utilizzando materie prime siciliane al 100%: dai limoni, le arance e i mandarini da cui nascono i canditi che lo caratterizzano, allo zafferano, spezia rara e preziosa, che arricchisce l’impasto conferendogli straordinarie qualità organolettiche. Ma sicilianissimo è anche il look! Il panettone è contenuto in una splendida, coloratissima scatola in latta da collezione, firmata Dolce&Gabbana, fatta disegnare appositamente, in una duplice versione, dalle più celebri maestranze artistiche dell’Isola che, per l’occasione, si sono ispirate ai motivi decorativi del carretto e ai personaggi dell’Opera dei Pupi.

Canditi dei nostri agrumi e zafferano della nostra terra: c’è davvero la quinta essenza della Sicilia in questo panettone. Quando da ragazzo andai a Milano per affinare le mie tecniche di pasticcere rimasi stregato dalla maestosità di questo dolce tipicamente meneghino. Imparai le tecniche di lavorazione, le regole di lievitazione, i lunghi tempi di produzione. Tornato in Sicilia, ho cercato di re-interpretarlo senza mai, però, snaturare la ricetta originaria. Oggi, accompagnato da un brand simbolo del bello Made in Italy, sforno un nuovo prodotto così orgogliosamente siciliano nel pieno rispetto della sua matrice milanese”, spiega Nicola Fiasconaro, primo pasticcere pluripremiato della Fiasconaro.

Se amate il Made in Italy e tutte le sue contaminazioni provate a cercarlo nelle migliori pasticcerie d’Italia. Non abbiamo indagato sul prezzo, però… 😉

 

Torna indietro

Correlati