packaging_takeaway_PFAS

In Danimarca stop all’uso di PFAS nei contenitori per il cibo

La fama dei paesi scandinavi è piuttosto nota: sempre un tantino più avanti rispetto ai loro vicini europei del sud. Come spesso capita, è probabile si tratti di uno stereotipo (tutto a loro favore), fatto sta che in tema di innovazione, sicurezza e salvaguardia ambientale sono sempre i primi a fare notizia. L’ultima dalla Danimarca.

Qualche settimana fa il paese ha annunciato che nel luglio del 2020 entrerà in vigore il divieto di usare di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) per la fabbricazione di contenitori alimentari. I PFAS sono composti chimici usati fin dagli anni ’40 in svariati settori industriali, dal trattamento delle pelli, alla produzione di contenitori, carta e imballaggi per uso alimentare, dai rivestimenti antiaderenti delle padelle alla realizzazione di abbigliamento tecnico. Nell’uso specificamente alimentare sono usati per rendere impermeabili ad acqua e grassi materiali biodegradabili che di fatto non lo sono. Una tecnologia quindi utilissima, ma purtroppo secondo alcuni studi, migrando dall’imballaggio verso gli alimenti, i PFAS potrebbero causare danni per la salute.

Con questa iniziativa, la Danimarca si appresta a diventare il primo paese a farsi carico della questione e nell’introdurre il divieto annuncia: “Fortunatamente ci sono altri metodi per rendere i contenitori per il cibo impermeabili“. A ben vedere, infatti, la carta può essere resa repellente ad acqua e grassi senza bisogno di utilizzare sostanze contenenti fluoro. Ed è su questo aspetto che si concentrano le misure del governo danese.

Proprio su queste soluzioni dovrà concentrarsi anche tutta la ricerca nel mondo del packaging procedendo nella direzione di definire e brevettare materiali sempre nuovi che possano soddisfare le esigenze di praticità d’uso da parte dei consumatori e, allo stesso tempo, garantire la loro sicurezza e quella dell’ambiente. La sfida oggi è quello di conciliare i due fronti generando soluzioni compatibili con la salute di tutti.

Sarà interessante seguirne gli sviluppi.

Torna indietro

Correlati