Leggere e capire le etichette per mangiare meglio

Le etichette dei prodotti alimentari che acquistiamo contengono informazioni preziosissime, ma spesso trascurate dai consumatori più disattenti. Pare infatti che coloro che si servono delle informazioni sulle etichette per valutare l’acquisto di un prodotto, ponendo attenzione agli INGREDIENTI con cui è realizzato, riescano meglio a controllare il proprio peso.

Lo confermano i risultati di uno studio condotto da un team di ricercatori provenienti da tre prestigiose università, l’Università del Tennessee e Arkansas, il Norwegian Institute for Agricultural Finance Research, e l’Università di Santiago de Compostela in Spagna, e pubblicato sulla rivista “Agricultural Economics”.

I ricercatori hanno studiato il legame che c’è tra la lettura delle ETICHETTE dei cibi e il sovrappeso e l’obesità prendendo in esame le 25.640 risposte dei partecipanti allo studio: i risultati hanno mostrato che chi legge le etichette pesa meno di chi non lo fa.

Piccole curiosità sul campione analizzato. A leggere le etichette sono soprattutto le donne, il 74% contro il 58% degli uomini; fanalino di coda, i fumatori, per i quali probabilmente uno stile di vita sano non è prioritario.

Fonte Fosan, Fondazione per lo Studio degli Alimenti e della Nutrizione

Vi proponiamo qui una ricetta gustosa ma molto light, ideata dallo chef Fabrizio Sansoni.

FabrizioSansoni

 

Nel realizzarla, la lettura delle informazioni di porzionatura sulle confezioni ci aiuterà ad essere più veloci nella definizione delle dosi per i vari ingredienti.

FIORI DI LASAGNETTA VEGGIE & GREEN

foto copia 15Le lasagne sono un piatto della nostra tradizione sicuramente molto gustoso, ma in base al condimento che utilizziamo possiamo renderlo più o meno impegnativo, sotto il profilo dell’apporto calorico. Oggi proviamo a realizzare una ricetta golosa, ma sana per circa 450 Kcal per porzione.

Dosi per 2 persone

Lasagna fresca da banco frigo: 1 confezione 6/8 fogli
Ricotta fresca vaccina 1 confezione da gr. 250
Fagiolini freschi o surgelati gr. 300
Noce moscata q.b.

Per il pesto: 25 gr. di basilico, 10 pinoli, 4 cucchiaini di olio, aglio 1/2 spicchio

Procedimento per il pesto:
Smembrare in un mortaio o in contenitore a bicchiere con un mixer a immersione gli elementi, fatta eccezione dell’olio, che deve essere incorporato a filo.

Procedimento per le lasagne:
Il tocco dello chef: per rendere la nostra lasagnetta più accattivante e nel contempo della dose che desideriamo consumare, useremo degli stampini per dolci del diametro di cm 8/10 per cuocerla a fiore, già porzionata. Con la pasta, tagliamo due quadrati di circa cm.13/15 per lato, con cui fodereremo gli stampini.

Lessiamo i fagiolini in acqua salata per circa 6 min, scoliamoli e lasciamoli raffreddare.
Lavoriamo la ricotta con un cucchiaio o una spatola e poniamola in una sacca da pasticcere,ci permetterà di farcire meglio la nostra pasta.
Farciamo i fiori di lasagnetta con strati di ricotta e fagiolini in alternanza fino al riempimento.
Spolveriamo la superficie con noce moscata e alcuni pinoli.
Inforniamo a 180° per 12 min e controlliamo spesso la superficie, per assicurarci che la pasta non si secchi.
Togliamo dal forno quando leggermente brunita.

Serviamo i fiori di lasagnetta  tiepidi, accompagnati da un filo di pesto come deep, in una ciotola a parte.

 

Torna indietro

Correlati